Cerca tra le news

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 224

Biella, Rete territoriale contro le discriminazioni: dalla Regione Piemonte l'avviso pubblico per la manifestazione d'interesse

Un'immagine della presentazione del Nodo e della Rete contro le discriminazioni di Biella, il 7 dicembre 2017 Un'immagine della presentazione del Nodo e della Rete contro le discriminazioni di Biella, il 7 dicembre 2017

La Regione Piemonte, con il supporto di IRES Piemonte e grazie alla collaborazione di 8 Enti locali, sta riattivando la Rete regionale contro le discriminazioni, così come previsto dalla Legge Regionale 5/2016. L’attività rientra tra gli obiettivi del progetto FAMI “Piemonte contro le discriminazioni”.

In ciascun territorio provinciale e in quello metropolitano è stato attivato o riattivato un Nodo territoriale contro le discriminazioni che, oltre ad accogliere e sostenere le persone che segnalano una discriminazione e monitorare il fenomeno, ha il compito di attivare e coordinare una Rete di soggetti pubblici e privati presenti e operativi sul proprio territorio provinciale.

Biella è l’unico territorio provinciale che ha attivato un Nodo con strutture e personale regionale. Per questo, la Regione Piemonte ha pubblicato un avviso per raccogliere manifestazioni di interesse ad aderire alla Rete territoriale contro le discriminazioni.

È possibile aderire alla Rete a due livelli:

- Adesione come semplice Partner: i soggetti che aderiscono alla Rete territoriale contro le discriminazioni si impegnano a collaborare con il Nodo territoriale, per quanto di propria competenza, nella diffusione dei principi di pari opportunità e antidiscriminazione.

- Adesione come Punto Informativo: il Regolamento attuativo della L.R. 5/16 (art. 5) prevede che i “Punti Informativi” delle Rete regionale svolgano le seguenti attività: a) diffusione di informazioni sul funzionamento della Rete regionale contro le discriminazioni e sui contenuti della l.r. 5/2016 con riferimento al territorio di propria competenza o per uno specifico target di popolazione; b) accoglienza, ascolto e riconoscimento di situazioni discriminatorie nell’ambito della propria attività ordinaria di contatto con persone a rischio di discriminazione, orientamento delle stesse al Nodo territoriale di riferimento ed eventuale collaborazione col Nodo per l’individuazione di soluzioni. I soggetti che si candidano a divenire Punti informativi della Rete devono avere i requisiti previsti dalla Regione Piemonte (DD n° 1028 del 26/10/2017, pubblicata sul BUR n. 44 del 2/11/2017).

Tutti i soggetti interessati sono invitati a manifestare il proprio interesse rispondendo all’avviso pubblico entro il 19/01/2018.

Le istanze devono essere inviate tramite pec al seguente indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per richieste di informazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure tel. 015.8551509

Il testo dell’Avviso e i moduli di adesione sono disponibili sul sito della Regione Piemonte, raggiungibile cliccando qui.